TOP
f

LAVIADELREIKI

QUARZO AMETISTA

QUARZO AMETISTA

L’ametista è una varietà violacea di quarzo la ritroviamo già nell’antichità , sin dal 3000 a.C., in Egitto, Mesopotamia e Sud Aafrica , sotto forma di gioielli, sigilli ed oggetti intagliati.

Questo cristallo si rinviene essenzialmente all’interno di geodi, cavità presenti entro le rocce magmatiche,  bolle di gas che si  modellano grazie allo scorrimento maggiore o minore di lava.

Era talmente apprezzata e preziosa, che anche nella mitologia ellenica ne troviamo traccia, nel mito di Dioniso e  Amestista, una Ninfa bellissima.

Il Dio, conosciuto per l’amore smodato per il vino e gli eccessi, decise di rapirla, per sfogare la sua collera e bramosia. Nonostante le avesse aizzato contro delle tigri feroci, la giovinetta riuscì a sottrarsi dall’attacco invocando Artemide. Prontamente la Dea della caccia e della sorellanza intervenne, per preservarne purezza, e la tramutò in un cristallo di quarzo ialino. Ci sono due versioni sull’ epilogo. Una prima dove il Dio rabbioso per essersi visto sottrarre la sua preda, le gettò addosso del vino rosso, tingendo il cristallo di viola, donandoci così la meravigliosa pietra. Mentre una più delicata ci racconta di un Dioniso, affranto per la sua scelleratezza, piangere lacrime copiose e versare accidentalmente la coppa di vino che teneva in mano, nel chinarsi verso la ninfa oramai tramutata in un cristallo trasparente.

Probabilmente da questo mito derivava la convinzione che l’utilizzo della pietra ridotta in polvere finissima o lavorata sotto forma di calice, potesse in un qualche modo proteggere le persone dagli eccessi tipici di Dioniso (Bacco, per gli antichi romani), garantendo così sobrietà e compostezza anche bevendo il vino.

quarzo ametista

quarzo ametista

In cristallo terapia questa pietra dal colore meraviglioso ed inconfondibile si utilizza per sostenere e armonizzare il VI Chakra, chiamato Ajna e conosciuto come chakra del terzo occhio, e il VII Chara, Sahasrara o chakra della corona.

Ajna è collocato al centro della fronte, situato proprio al centro della fronte, nella zona tra le sopracciglia. Governa tutti gli organi che si trovano in prossimità di questa zona, quindi gli occhi, l’ipofisi, il sistema ormonale ed il sistema nervoso centrale (per IL SESTO CHAKRA AJNA ).

Il settimo chakra,  Sahasrara, si trova fuori dal corpo fisico, appena sopra il nostro capo, all’altezza della fontanella.E’ il nostro portale verso lo Spirito, Il Rei, l’Universo oltre la fisicità ( IL SETTIMO CHAKRA SAHASRARA )

La tradizione abbina questo cristallo al mese di Febbraio, al segno zodiacale dell’Acquario e ad Urano.

Le sue qualità si esplicano soprattutto in ambito del piano mentale e della consapevolezza. QUARZO AMETISTA

Si dice aumenti la consapevolezza del se, supporti il compito del sesto e settimo chakra, permettendo  quindi  di portare lo sguardo al nostro interno, per osservarci  nel nostro profondo e di sviluppare quella fiducia che ci permette di affidarci allo Spirito.

Supporta lo sviluppo dell’intuizione, le capacità d’ introspezione e concentrazione. Il quarzo ametista ha un sistema cristallino trigonale, lavoro con e per la semplicità e l’immediatezza.

Aiuta nel valutare le situazioni, per prendere poi decisioni ponderate e sentite, ci mantiene in equilibrio, anche quando sentiamo di doverci “muovere”.

Un’altra proprietà del quarzo ametista è quella di facilitare il sonno, calmando la mente, liberandoci da tutti quei pensieri che possono ostacolare il riposo notturno. Mettetela vicino al vostro comodino, prima di coricarvi. Tenete a portata di mano anche un piccolo taccuino, agendo si chakra alti, facilmente vi porterà sogni vividi e densi di significato.

E ancora una drusa di ametista oltre a diffondere la sua energia nell’ambiente, vi permetterà di purificare e mettere ” a riposo” le altre pietre. E sufficiente che le appoggiate sulla sua superficie, possono rimanere lì sino al prossimo uso che ne vorrete fare. Non è necessari porla in acqua per purificarla, in un certo senso è auto-purificante, inoltre per la presenza di ferro potrebbero comparire delle ruggini. Un’ esposizione alla luna o delle fumigazioni di incenso sono più che bastevoli.

Ci sono diverse varietà di ametiste, a secondo dell’intensità del colore e della forma e disposizione delle punte.

quarzo ametrino

qurzo ametrino

Una pietra che amo particolarmente il quarzo Ametrino, che come suggerisce il nome nasce dall’unione dell’ ametista e del citrino. In un unico cristallo con una demarcazione piuttosto netta abbiamo una parte viole ed una gialla.

E’ stata rinvenuta abbastanza recentemente e il suo uso nella cristallo terapia moderna è ben descritto nel grande Manuale del Gienger.

E sintesi tra consapevolezza propria dell’Ametista e della dinamicità del Citrino, ottima quindi per superare i conflitti, armonizzare percezioni e pensieri, infondere ottimismo e gioia, donare creatività

Post a Comment