TOP
f

LAVIADELREIKI

RELAX VS ANSIA – 1 a zero

RELAX VS ANSIA – 1 a zero

RELAX VS ANSIA – 1 a zero

Ansia s. f. [dal lat. tardo anxia, der. di anxius «ansioso»]. – 1. Stato di agitazione, di forte apprensione, dovuto a timore, incertezza, attesa di qualcosa

Tutti quanti noi ,credo, abbiamo sperimentato stati ansiosi. Di base potremmo considerarla come una risposta a situazioni di pericolo . Purtroppo il nostro corpo prende tutto “alla lettera”, fatica quindi  a distinguere tra un pericolo reale, concreto ed immediato, rispetto ad una situazione che magari è semplicemente immaginata, anticipata.

Il meccanismo che interviene in situazioni stressorie e pericolose ci permette in una manciata di secondi di reagire e predisporci alla fuga o alla mala parata all’attacco. Perfetto strumento di reazione ad una situazione di paura, concreta e tangibile .

L’ansia piuttosto è un ‘emozione non causale, molto spesso non dipende da un fatto o un motivo circostanziato. O comunque è un qualcosa che viviamo di fronte ad un pericolo percepito .

Capite bene quindi che la differenza rispetto la paura è sostanziale . Credo che tutti proverebbero paura trovandosi davanti un predatore affamato, ma in pochi proverebbbero lo stesso davanti un gattino ad esempio. La fonte ansiogena  è soggettiva, non viene “sentita” nello stesso modo da chi ci circonda, può riferirsi ad una situazione futura o addirittura ipotetica. RELAX VS ANSIA – 1 a zero

Un’eccesso di ansia, oltre ad essere dannosa per il nostro corpo fisico – leggi qui FIGHT OR FLIGHT – lo stress della vita moderna – può avere un impatto decisamente negativo anche sul nostro mondo emotivo e psichico.

Una volta rimossi stimoli esterni che ci condizionano in tal senso (stile di vita,problemi quotidiani, carichi eccessivi, ritmi accellerati) possiamo ancora sperimentare stati ansiosi. Lo può testimoniare chi  , appena aperti gli occhi la mattina, si sente assalire da un’ondata di ansia.

Varrebbe allora la pena prendere in considerazione l’ipotesi che l’ansia, per quanto sgradevole e in alcuni casi quasi invalidante, abbia una funzione.

Potremmo considerarla come un campanello che suona e ci dice che qualcosa nel nostro profondo, in quella parte non visibile del nostro Essere , si sta muovendo. Che forse vorrebbe uscire, forse vorrebbe essere riconosciuta, ascoltata, nutrita.

Vedere l’ansia come delle energie profonde che riemergono per consegnarci un messaggio, come una sorta di NO che arriva dal nostro profondo, un richiamo a recuperare, dopo averla vista, una parte di noi.

Se guardiamo alla questione con questo sguardo ecco che, inaspettatamente, l’ansia non è più un mostro da sconfiggere, ma qualcosa di comprendere, ovviamente nelle sedi e con gli strumenti più opportuni.

Tanto più entriamo in una dinamica mentale e cerchiamo di controllarla e reprimerla, tanto più lo stato ansioso si acuisce.

Ecco perchè ho pensato di lasciare spazio ad una serie di suggerimenti.

Soluzioni alla portata di tutti, dolci ma efficaci, che possono supportarci in questa esperienza .

RIMEDI VIBRAZIONALI

Tra i i rimedi vibrazionali che possono supportarci in caso di ansia , facilmente fruibili e con un’azione dolce ma potente, abbiamo i Fiori di Bach e e i Cristalli.

L’invito è quello di farvi indicare dei fiori e rimedi ayurvedici apposta per voi, dopo un colloquio conoscitivo.

Se al momento non ne avete la possibilità, potete orientarvi su alcuni rimedi che ri equilibrano stati emotivi potenzialmente ansiogeni  :

  • Agrimony – è il rimedio per quelle persone che apparentemente sembrano non avere nel proprio vocabolario il termine ansia. Spensierati, di buon umore, scherzosi ed allegri. Questa però è la facciata, la maschera sociale che viene indossata, con un dispendio di energia e l’accumulo di quantità ingenti di rabbia e frustrazione. Il livello di ansia può essere notevole, in genere la strategia per non doversi confrontare con questa emozione è il “fare” incessante.
  • Willow – è il rimedio per tutti coloro che sperimentano nella propria vita l’amarezza e il rancore. C’è la sensazione di essere ,in una certa qual misura, vittime degli altri. Si coltivano pensieri ricorrenti di vendetta e rivalsa, che generano rancore e ansia. Modalità lamento : ON.
  • Mustard – è il rimedio per quando abbiamo la sensazione che una nuvola stazioni ostinatamente solo sopra la nostra testa. Il sole sparisce e con lui il buonumore. Siamo consapevoli degli infiniti motivi che abbiamo per essere profondamente grati, ma nonostante ciò si vive un profondo disagio e non siamo in grado di  fornire alcuna ragione o spiegazione di tale stato d’animo.

Per quanto riguarda i cristalli, provate a tenere in mano queste pietre ecercate di percepire la loro energia e sentire con quali vibrate in sintonia. Questi ovviamente sono dei suggerimenti, ce ne sono molte altre.

  • Quarzo Ametista e Rosa – il primo cristallo è ampiamente utilizzato per gli stati di sovraccarico e tensione mentale. Il secondo lavora bene in risonanza con Anahata , donando tranquillità e serenita. Possono essere indossati e giova anche disporre degli elementi nei nostri ambienti.
  • Fluorite– questo splendido cristallo ci supporta nel alleggerire il continuo chiacchiericcio mentale, soprattutto una certa fissazione di pensiero, che porta ad un circuito di pensieri negativi ed ansiogeni che si autoalimenta.
  • Acquamarina –   pietra dal colore azzurro, supporta bene in casi di iperattività, in tutti quei casi dove l’ansia ci attanaglia perchè un implacabile giudice interiore sembra voler misurare con un cronometro le nostre mille attività quotidiane, biasimandoci se ne lasciamo indietro qualcuna.
RIMEDI AROMATERAPICI

Gelsomino,  Neroli (fiori d’arancio), Cipresso, Rosa, Lavanda, Verbena, Sandalo  Arancio Amaro, Ylang ylang.

Tutte queste essenze a mio avviso hanno delle fragranze squisite, che tramite l’olfatto portano molto velocemente al nostro cervello sensazioni di dolcezza, calma, serenità e pace.

Non utilizzateli per via orale, se non sotto controllo del vostro medico o naturopata . Viceversa potete usarli a profusione nell’ambiente, versarne qualche goccia sul cuscino o in un diffusore,  diluirli in acqua per bagni rilassanti. Potete anche utilizzare un olio vettore naturale, quello di cocco ad esempio, e metterne qualche goccia su polsi,nuca e tempie.

VISUALIZZAZIONI GUIDATE

ho pensato di registrare per voi due pratiche guidate di visualizzazione. Potete seguirle quando volete, iniziate con una volta alla settimana ed ascoltatevi. Basta uno spazio comodo, tranquillo, dove non sarete disturbati.

Buon viaggio visualizzazione guidata.

 

Posta un Commento